Le Preposizioni Rettangolari

      Nessun commento su Le Preposizioni Rettangolari

Le Preposizioni Rettangolari

ilgrandemetodo-page0006

Clicca qui per scaricare LE SCHEDE  OPERATIVE. Il rettangolo verde rappresenta le preposizioni semplici e articolate.

 

 

 

 

 

Da Wikipedia

Nella lingua italiana le preposizioni sono divise in tre categorie:

  • preposizioni proprie: di, a, da, in, con, su, per, tra, fra, definite anche semplici se usate così, senza modifiche, oppure articolate se vengono invece unite (univerbazione) a un articolo determinativo, come per esempio del, allo, dalla, nei, sugli,…;
  • preposizioni improprie: sono quelle parole che talvolta vengono “utilizzate come” preposizioni, ma che normalmente sono nomi, aggettivi, avverbi o forme verbali. Per esempio: causa, verso, secondo, vicino, lungo, davanti, dopo, sopra, sotto, durante, mediante, dato… (Esempi : faremo una pausa dopo le nove , abbiamo passeggiato lungo il fiume , ha salutato tutti escluso me )
  • locuzioni prepositive: sono gruppi di due o più parole, di cui l’ultima è sempre una preposizione mentre la prima (o le prime) possono essere altre preposizioni (d’in su la vetta, fra di noi, a tra poco), nomi (a scapito dellaprecisione, di fianco a voi, per mezzo di trucchi) oppure avverbi e modi avverbiali (accanto a ciascuno, di là dai monti, insieme col vento).

Non tutte le preposizioni semplici si possono unire all’articolo determinativo a formare preposizioni articolate; non lo fanno ad esempio per, tra e fra, mentre con si unisce solo a il per formare col e a i per formare coi mentre preferisce sempre le forme scisse negli altri casi (con lo, con la, con gli, con le) senza escludere comunque lo stesso con il. Del resto le forme scisse delle altre preposizioni articolate (come a lo, a gli, su le ecc.) erano molto diffuse ancora nel primo Novecento. Al contrario, nello stesso periodo erano preferite le forme contratte pel e pei anziché per il e per i, oggi invece raccomandate insieme con le analoghe per lo, per la, per gli e per le.[1]

Il Lo La I Gli Le
Di Del Dello Della Dei Degli Delle
A Al Allo Alla Ai Agli Alle
Da Dal Dallo Dalla Dai Dagli Dalle
In Nel Nello Nella Nei Negli Nelle
Con Col Collo Colla Coi Cogli Colle
Su Sul Sullo Sulla Sui Sugli Sulle

Le preposizioni articolate derivate da di sono spesso usate con la funzione di articoli partitivi, come nell’esempio Ho comprato dello zucchero e delle arance. Anche se non sempre scorretto, è comunque buona norma stilistica evitare, ove possibile, di far precedere gli articoli partitivi da altre preposizioni (soprattutto da di e da in), sostituendoli in tal caso con le espressioni alcuni, un po’ di e così via.

LE SCHEDE OPERATIVE

 

le preposizioni.pdf (48 download)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *