La mano degli Avverbi!

      Nessun commento su La mano degli Avverbi!

 

page0017

La mano degli Avverbi. Nella lingua italiana, le parole costituenti le parti variabili del discorso, per la precisione quelle che servono a precisare circostanze e modi di un determinato stato o di un evento, e che alterano, nella maggior parte dei casi, il significato di alcune parole, sono avverbi.

In grammatica, l’avverbio modifica e integra il significato di un verbo, principalmente.
Es: suona meravigliosamente la chitarra.
L’avverbio è meravigliosamente, che si riferisce alla parola suona, che è un verbo.

Non sempre, però, l’avverbio è usato per modificare un verbo: può essere affiancato ad altri avverbi o aggettivi, arricchendone o trasformandone il significato.

Es: Miriam è molto intelligente.

Intelligente è aggettivo, molto è l’avverbio che ne modifica il significato.

Es: Luca ha imparato a scrivere molto precocemente.

In questo caso, la stessa parola, molto, è avverbio in funzione di un altro avverbio: precocemente.

Vediamo, invece, come l’avverbio può integrare il significato di un’intera frase:

Es: Ma che vengo!

È indubbio che, piuttosto di un semplice “vengo!”, l’intera proposizione così formulata, grazie al “” che ha funzione di avverbio, sia più forte ed espressiva.

avverbi di modo o maniera, che precisano il modo in cui avviene l’azione, e sono:
in -mente = brevemente, gentilmente, ecc;
in -oni = cavalcioni, carponi, ecc;
quelli aventi la forma di aggettivi al maschile = forte, chiaro, alto, ecc;
altri = bene, male, volentieri, purtroppo, ecc;
locuzioni corrispondenti comprese (di corsa, più piano, più alto, ecc. );
avverbi di tempo, che specificano il momento in cui si svolge l’azione:
ieri, oggi, frequentemente, subito, prima, finora, ecc.
e locuzioni corrispondenti: all’improvviso, per tempo, prima o poi, ecc;
avverbi di luogo, che precisano il luogo in cui l’azione avviene:
            lì, qui, giù, dietro, sopra, altrove, presso, vi, ci, ecc;
e locuzioni corrispondenti: di là, di qua, di sotto, ecc;
avverbi di quantità, che esprimono in maniera vaga una determinata misura:
appena, molto, abbastanza, alquanto, meno, ecc;
e locuzioni corrispondenti: all’incirca, di più, di meno, ecc;
avverbi opinativi, che esprimono, ovvero, un’opinione, e possono essere:
di affermazione = certo, sicuro, indubbiamente, ecc;
di negazione = no, , nemmeno, neppure, ecc;
di dubbio = probabilmente, forse, chissà, magari, ecc;
le locuzioni, rispettivamente, saranno: di sicuro/nemmeno per sogno/quasi quasi, ecc;
avverbi interrogativi, i quali, all’interno dell’enunciato, presentano una domanda:
quanto?, dove?, perché?, ecc;
e locuzioni corrispondenti: da quanto?, da dove?, ecc

Roberta Volpi

LE SCHEDE OPERATIVE

gli avverbi.pdf (44 download)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *