Il triangolo Verbale

      Nessun commento su Il triangolo Verbale

ilgrandemetodo-page0007Il triangolo Verbale

Clicca qui per scaricare LE SCHEDE OPERATIVE.

Il triangolo rappresenta  il verbo. Ricorda la prima lettera della parola Verbo, capovolta.

 

 

 

 

Il modo di un verbo indica[3]:

  • l’atteggiamento che un parlante instaura con il proprio interlocutore;
  • l’atteggiamento che un parlante assume in rapporto alla propria comunicazione.

I modi veri e propri sono quelli detti “finiti”[4]:

  • l’indicativo presenta la realtà di un fatto: tale realtà può essere provata vera o falsa;
  • il congiuntivo presenta un fatto, un’azione o un processo secondo le marche del desiderio, del timore, della volontà o della supposizione, senza che quindi si possa ragionevolmente avanzare un giudizio di verità;
  • il condizionale sottolinea la presenza di un condizionamento concreto o virtuale sulla realtà di un fatto, di un’azione o di un processo;
  • l’imperativo rinvia al desiderio di orientare le azioni dell’interlocutore attraverso un comando, una esortazione, una preghiera.

L’espressione “modo verbale” è estesa arbitrariamente (ma tradizionalmente) ai cosiddetti “modi indefiniti”[5]: infinito, participio e gerundio. L’arbitrarietà dell’attribuzione consiste nel fatto che queste tre forme non connotano la modalità dell’azione e anzi assumono il valore di modo della forma finita:

  • Truccata, la ragazza spiccherebbe assai di più (= Se fosse truccata, la ragazza spiccherebbe assai di più);
  • Truccata, la ragazza spiccò assai di più (= Dopo che fu truccata, la ragazza spiccò assai di più).

Il tempo verbale colloca l’azione in un asse cronologico, tanto assolutamente quanto relativamente a un certo termine. Nel secondo caso il tempo evidenzia tra due frasi del periodo un rapporto di contemporaneità o di non contemporaneità[5].

Bisogna distinguere tra tempo fisico (time in inglese, zeit in tedesco) e tempo linguistico (tense in inglese, tempus in tedesco). Il riferimento cronologico espresso grammaticalmente non per forza coincide con quello reale.[5] È ad esempio possibile trovare una frase in italiano in cui il passato prossimo rinvia a un evento futuro:

I tempi verbali vengono indicati come “semplici” o “composti” a seconda che siano costituiti da una forma singola o dall’insieme di verbo ausiliare e participio passato.

LE SCHEDE OPERATIVE

il verbo.pdf (55 download)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *